Il Progetto ha una durata di 4 anni (ottobre 2014-ottobre 2018) e seguirà un crono-programma logico ben definito.

Conoscenza: dal 2015 inizieranno le attività sul campo per definire più accuratamente la presenza dello scoiattolo grigio.

 
Comunicazione: parallelamente sarà avviata una campagna di informazione volta a sensibilizzare tutta la popolazione sull’importanza della difesa della biodiversità e sulla necessità della rimozione delle specie invasive.

 Gestione:
dal 2016 prenderanno il via le “operazioni di gestione” con la rimozione degli scoiattoli grigi che consisterà sia nella cattura e successiva soppressione per via eutanasica, nella cattura, sterilizzazione chirurgica e conseguente rilascio. Contemporaneamente si agirà sul miglioramento delle “condizioni vitali” dello scoiattolo rosso in città attraverso la messa a dimora di piante appetibili per il rosso e attraverso il ripristino/rinforzo delle popolazioni oggi in difficoltà.