Non foraggiare gli scoiattoli grigi e la fauna selvatica

divieto-foraggiareNon foraggiare gli scoiattoli grigi, è l’appello di Regione Umbria ed Ispra a chi abita nei pressi di aree boscate e parchi urbani.

Gli scoiattoli grigi sono attratti principalmente da noci e nocciole, ma anche frutti come le mele rappresentano una risorsa molto appetibile. Al momento però non si conoscono sistemi dissuasivi per prevenire l’asportazione ed il consumo di frutti.
La raccomandazione principale quindi è quella di evitare il foraggiamento artificiale degli individui, che risultano molto spesso confidenti nei confronti dell’uomo. Questa è un principio che vale per tutti gli animali selvatici, che non devono ricevere cibo, se non in particolari circostanze, pur se questo possa essere considerato un gesto di bontà nei loro confronti.

Per salvare lo scoiattolo rosso è indispensabile l’aiuto di tutti. Se abiti in un’area boscata o in un quartiere dove ti capita di osservare scoiattoli grigi, fai una segnalazione al più presto a help@usavereds.eu . La stessa cosa, se ti capita di incontrare scoiattoli grigi nel parco cittadino che frequenti abitualmente. Le segnalazioni sono necessarie per monitorare la presenza dello scoiattolo grigio nel territorio e quindi prevenire la sua espansione.